Bananagun: Groove is in the heart

Bananagun

Ritmo e divertimento: due parole magiche per descrivere i Bananagun, band australiana con all’attivo (per ora) solo un EP - “Do Yeah” (2019) - e un singolo, “Out of Reach” (2020). Spensieratezza, zero pretenziosità nell’ancora breve discografia del quintetto di stanza a Melbourne: Nicholas Van Bakel [aka Sleepyhead] (già ex The Frowning Clouds), Stella Rennex (che suona nei Parnship), Jimi Gregg, Charlotte Tobin, Jack Crook si divertono da impazzire e si sente: in “Top Cat” e “Crane in The Tiger’s Mouth” giocano a fare figli di Monkees e Troggs; in “Do Yeah” fanno emergere il loro lato più dolcemente afrofunk ; in “Out of Reach” (uscita solo qualche settimana fa) diventano i Beach Boys di “Wild honey”: pop psichedelico con anima soul. Musicalmente niente di nuovo. Che groove però e che voglia di divertirsi e far divertire.

Top Cat (2019)



Out of Reach (2020)



Monica Mazzoli

( 2020-02-15 )